Edilizia scolastica innovativa: Bim e legno per due scuole a Milano

Scuola elementare via Brocchi, Milano - vista della facciata d’ingresso © ATIproject

Scuola elementare via Brocchi, Milano – vista della facciata d’ingresso © ATIproject

image_pdf

A Milano sono in via di realizzazione due scuole green a basso impatto ambientale progettate interamente in legno secondo i principi della sostenibilità e della bioedilizia. Si tratta della scuola elementare di via Brocchi, quartiere Gallaratese, e della scuola media di via Strozzi, quartiere Lorenteggio, pensate e progettate integralmente in ottica Bim (Building Information Modeling) dalla società pisana ATIproject, specializzata in progettazione architettonica, energetica e bioclimatica. Rientrano entrambe nel piano di riqualificazione previsto dal Comune di Milano insieme al Miur per la ricostruzione di buona parte dell’edilizia scolastica milanese; nello specifico saranno tre le scuole costruite in legno (via Brocchi, via Strozzi e via Viscontini) sviluppate a partire dalle nuove linee guide per l’edilizia scolastica innovativa varate dal Miur. La realtà delle scuole in legno, ampiamente condivisa in molti paesi specialmente del nord Europa, sta prendendo sempre più piede anche in Italia, a partire dalla ricostruzione post-sisma in Emilia e in Abruzzo (vedi l’Asilo Nido d’Infanzia a Guastalla di Mario Cucinella Architects).

Scuola elementare via Brocchi, Milano - vista dall’alto, planivolumetrico © ATIproject

Scuola elementare via Brocchi, Milano – vista dall’alto, planivolumetrico © ATIproject

Previa demolizione e bonifica dell’edificio scolastico esistente, la ricostruzione degli istituti di via Brocchi e via Strozzi parte dalla scelta condivisa di realizzare nuovi modelli di bioedilizia in legno che sappiano coniugare il progetto tecnico-architettonico con quello didattico-sociale al fine di favorire le relazioni e l’apprendimento dei bambini.

La risposta a queste esigenze si deve in parte all’utilizzo della tecnologia Bim fin dalla fase preliminare del progetto; grazie alla collaborazione integrata tra tutte le figure professionali coinvolte è stato infatti possibile individuare soluzioni evolute e sinergiche in tempi anche molto ridotti affrontando in contemporanea tutti gli aspetti tecnici (strutture, architettonico, impianti elettrici e meccanici, ottimizzazione dell’energia, involucri edilizi e così via).

Molto simili dal punto di vista costruttivo, funzionale ed energetico, entrambe le scuole presentano un complesso didattico che si inserisce organicamente nel contesto attraverso aree verdi, orti, giardini pensili, aree dedicate alle attività ludiche o sportive all’aperto. Aule e spazi didattici flessibili a seconda delle esigenze d’insegnamento compongono il cuore della scuola, mentre ambienti fruibili anche in orario extrascolastico e condivisi con la cittadinanza (auditorium, biblioteca e palestra) completano il programma funzionale.

Particolare attenzione è stata rivolta al corretto utilizzo della luce naturale negli ambienti interni; pozzi di luce o corti circolari attraversano l’edificio in verticale garantendo un’ottimale apporto di luce e ventilazione naturale nonché una qualità indoor a impatto zero. Anche la forma dei fabbricati e il disegno delle superfici opache o vetrate è stato studiato per incrementare lo sfruttamento passivo della risorsa solare, come dimostrano i frangisole in legno o a lamelle che proteggono l’edificio dal surriscaldamento.

Scuola elementare via Brocchi, Milano - la biblioteca © ATIproject

Scuola elementare via Brocchi, Milano – la biblioteca © ATIproject

La ricerca di materiali di qualità, il cui processo risponda a criteri di sostenibilità ed ecocompatibilità, ha portato i progettisti a scegliere la tecnologia costruttiva dei pannelli multistrato x-lam, composti da strati sovrapposti e incrociati di legno massello (dallo spessore variabile in base alle necessità costruttive e architettoniche) con funzione portante. In questo modo, con l’assemblaggio a secco, si raggiungono un’ottima qualità ambientale e una grande efficienza in fase di realizzazione minimizzando le quantità dei materiali e privilegiando quelli riciclabili e biocompatibili. Dal punto di vista energetico gli edifici scolastici sono stati progettati secondo i criteri di sostenibilità Leed e raggiungono le massime prestazioni grazie alla produzione di energia mediante fonti rinnovabili e ad altre strategie passive messe a punto durante lo sviluppo delle strutture.

Credits – Scuola elementare Via Brocchi, Milano
Area: 7.000 mq
Realizzazione: 2016 – in corso
Committente: Comune di Milano
Progetto architettonico: ATIproject
Progetto impianti elettrici e meccanici: ATIproject
Progetto strutturale: ATIproject
Consulenza Strutturale: SMS
Impresa costruttrice: AR.CO. Lavori, R.D.F. Srl, Fenini Srl, Idrotermica COOP Soc.Coop.
Certificazione energetica: Classe A+

Credits – Scuola media Via Strozzi, Milano
Area: 6.800 mq
Realizzazione: 2016 – in corso
Committente: Comune di Milano
Progetto architettonico: ATIproject
Progetto impianti elettrici e meccanici: ATIproject
Progetto strutturale: ATIproject
Consulenza Strutturale: SMS
Direzione lavori: Comune di Milano
Impresa costruttrice: Damiani Costruzioni Srl
Impresa impianti elettrici: Diesse Electra Spa
Impresa impianti meccanici: Gianni Benvenuto Spa

[Articolo originale]


Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*